semi per tutti

semi per tutti - semimisti - R nel bosco

semi per tutti, o almeno per qualcuno

siamo corresponsabili della distribuzione di semi per tutti, o almeno per qualcuno. di esplosioni future, di invasioni fiorite e di innescare boschi urbani. ci piacciono le serate in famiglia a preparare centinaia di bustine di semi misti.

soprattutto sapendo che finiranno per arrivare come regalo nelle mani di molti bambini della città di Reggio Emilia.

R nel bosco è un negozio minuscolo a cui piace farsi coinvolgere in piccole cose belle che mettono radici. iniziative semplici e dal passo leggero che crescono e si moltiplicano.

Quello che abbiamo messo in questa busta è un miscuglio di tantissimi semi di piante da fiore conosciute e sconosciute, selvatiche e ornamentali.

Alcuni dei fiori contenuti in questo sacchetto sono: calendula, carota, finocchio, fiordaliso, iperico, lunaria, margheritone, rucola, speronella, tagete, trifoglio, violaciocca, zinnia

🌱🌱😁

ps: state all’erta, vi daremo presto la possibilità di ritirare le nostre bustine presso il negozio.

#errenelbosco #piazzafontanesi #ReggioEmilia #inutileprezioso #foglie #leaves #plants #negoziopiante #piante #indoor #handmade #urbanjungle #stranezzebotaniche #nuovefoglie #Rnelbosco #semi #seeds #semimisti #seedbomb #seedball #gogreen #bosco #frammenti #bellezza #seminare #fiori #coltivare #flowers #aprile2020 #quarantena

Passateci a trovare in negozio in piazza Fontanesi 6 a Reggio Emilia o consultate il nostro catalogo online.

10 piante orticole perenni da tenere in balcone

orticole in balcone - 10 piante - R nel bosco - consigli

Utilizzare delle piante orticole perenni come piante ornamentali? Si può realizzare un balcone o un terrazzo alimentare che sia anche bello da vedere?

Molte piante orticole perenni si prestano perfettamente per creare macchie di colori molto interessanti. Alcune crescono molto in altezza. Altre attirano in estate le farfalle o sfamano in inverno gli uccellini di passaggio.

Le piante orticole si dividono in annuali, che completano il loro ciclo nel corso di un paio di stagioni (come per esempio pomodori, melanzane, fagiolini, zucche), e perenni. Queste ultime possono vivere per svariati anni, anche all’interno di un vaso! L’importante sarà scegliere un contenitore abbastanza capiente per farle sviluppare al meglio.

Le orticole fanno i fiori!

Le orticole fanno dei fiori molto belli! Se le coltiverete con cura e le lascerete sviluppare senza raccoglierle, produrranno dei bellissimi fiori. Potranno essere consumati nelle vostre preparazioni oppure essere utilizzati come fiori recisi.

Come coltivare le orticole perenni!

Potrete coltivarle per molti anni sul balcone, sul terrazzo o sul davanzale. Cercate un vaso di almeno 30 cm di diametro o una fioriera lunga almeno 40 cm. Queste piante amano il sole, ma possono resistere molto bene in posizioni semi ombreggiate. D’estate sarà necessario bagnarle: vi consiglio di inserire sotto il vaso un sottovaso abbastanza capiente che serva da riserva d’acqua. In inverno il fogliame seccherà per poi rinascere in primavera. Non mettete troppe piante insieme, ma lasciate ad ognuna lo spazio sufficiente per svilupparsi. Molte di queste piante tenderanno a diffondersi tramite autosemina negli altri vasi che avete sul balcone.

Come iniziare?

Per coltivarle potete partire dai semi (finocchio, erba cipollina, porro, carciofo, rabarbaro), seminandoli per tempo in casa al riparo all’inizio della primavera o alla fine dell’autunno. Oppure potrete partire dall’ortaggio acquistato al supermercato (finocchio, aglio, cipolla, cipollotti, porro, topinambur, barbabietola, carota), seppellendolo nel terriccio. Oppure ancora acquistare delle giovani piantine (carciofo, asparago, rabarbaro) e trapiantandole!

Le 7 piante con cui inizare

  1. Finocchio – Pianta molto rustica, tende a crescere molto, produce fiori ad ombrello. Può nutrire i bruchi della farfalla macaone! Potete raccogliere e mangiare le sue giovani foglie, con i semi si può preparare una tisana.
  2. Aglio e Cipolla – Piante molto semplici, da coltivare partendo dal bulbo, producono fiori sferici inaspettati. Potete raccogliere le sue foglie o utilizzare i fiori per guarnire i piatti. Anche queste piante attirano gli insetti impollinatori.
  3. Erba cipollina – Pianta molto resistente dal fiore violaceo, di piccola dimensione, con foglie sottili dal sapore di cipolla ovviamente.
  4. Porro – non l’avreste mai detto? Il fiore è simile a quello della cipolla e dell’aglio. Potrete raccogliere il suo gambo centrale o le foglie più tenere.
  5. Topinambur – Parente molto stretto del girasole, sotterrate il tubero e aspettatevi delle fioriture altissime in autunno. Viene visitato dagli insetti impollinatori.
  6. Barbabietola e bietola – Piante dalle larghe foglie, ne esistono varietà con fogliame colorato che daranno colore al vostro balcone. Si possono raccogliere e consumare le giovani foglie.
  7. Carota – Pianta rustica dal fiore bianco, si possono raccoglie e consumare le giovani foglie. Attira gli insetti impollinatori.

Le 3 piante per esperti

  1. Carciofo – Pianta stravagante e un po’ esuberante, coltivabile solo se avete molto spazio a disposizione. Fogliame grigiastro e fiori violacei, esistono delle varietà senza spine. Si raccolgono le gemme a fiore.
  2. Asparago – Pianta dalla grande crescita e dal fogliame particolare. Per averla dovrete puntare su un vaso di grandi dimensioni. Si consumano i giovani germogli.
  3. Rabarbaro – Pianta dalle grandi foglie e steli rossicci, produce fiori biancastri. Potete raccogliere i piccioli più teneri delle foglie.

Da R nel bosco trovate i semi di piante orticole, aromatiche, di piccoli frutti e fiori eduli coltivabili sul balcone.

Passateci a trovare in negozio in piazza Fontanesi 6 a Reggio Emilia.

instagram / facebook / pinterest / R nel bosco

come si usano le seedball

seedball - seedbomb - istruzioni palle di semi - R nel bosco

come si usano le seedball ovvero come inselvatichire il mondo che vi circonda

Le seedball sono palline di argilla e humus contenenti semi di piante diverse. Non esplodono! Proteggono i semi durante il primo periodo di vita: dalla semina alla germinazione. Agiscono esattamente come potrebbe fare il guscio di una noce, evitando che il seme venga mangiato da insetti o uccelli.

La loro storia è antica e inizia nell’antico Egitto quando venivano utilizzate per la semina dopo le inondazioni stagionali del fiume Nilo. Masanobu Fukuoka, padrino giapponese dell’agricoltura naturale, ne riscoprì la tecnica nella seconda metà del ‘900, impiegandole in agricoltura. In seguito gli esponenti della green guerrilla le utilizzarono nelle attività di rivegetazione urbana. Oggi vengono utilizzate nei progetti di rinaturazione di piccole e grandi aree deturpate dalle attività umane.

I periodi migliori per seminarle o lanciarle sono la primavera e l’autunno. Ma anche durante il periodo estivo sipossono piantare, stando attenti ai periodi più caldi. Ricordate che le fioriture le inizierete a vedere l’anno dopo la semina.

Le palline di argilla con semi sono anche chiamate seedbomb, in italiano bombe di semi o palle di semi.

Le seedball di R nel bosco

Le nostre seedball contengono un miscuglio di semi di piante spontanee, officinali e aromatiche. Possiamo modificare la nostra ricetta base in base alle vostre richieste. Realizziamo palline di semi per matrimoni, battesimi, ricevimenti, realizzazione gadget ecc. Potete ordinarle sfuse o farvi consigliare il packaging più adatto.

Il packaging che vi suggeriamo? Palline di semi in provetta di vetro con tappo di sughero. La provetta potrà essere riutilizzata come contenitore per fiori recisi.

Queste alcune delle specie inserite: achillea, borragine, caglio, camomilla comune, cefalaria, celidonia, enula campana, erba cipollina, facelia, finocchio. fumaria, galega, iperico, lunaria annua, pimpinella, malva, malvone, marrubio, meliloto. melissa, menta,
nigella, papavero, partenio, piantaggine, psillio, rucola coltivata, ruta. strigoli, sulla, tarassaco, valeriana rossa, valeriana, valerianella.

Più i miscugli sono ricchi più aumenta la garanzia di successo in terreni e con esposizioni differenti.

Istruzioni

  1. Scegliete un giorno autunno o in primavera, tenendoti lontano dalle giornate più calde o più fredde ed evitando gli acquazzoni.
  2. Individuate il posto giusto, sgombro dalle infestanti, in posizione assolata o parzialmente ombreggiata. In un vaso o in un’aiuola può andare bene.
  3. Appoggiate sul terreno oppure fai una leggera pressione sulle palline per interrarle leggermente.
  4. Mantenete umido il terreno, ma non fradicio.
  5. Aspettate 😉

Oppure potete intraprendere la strada della guerrilla gardening. Armatevi di fionda e lanciare le vostre seedball in terreni incolti o in campagna. Per rinverdire gli angoli grigi della città!

Potete utilizzarle per inselvatichire un balcone, per creare un angolo fiorito in un orto, per ottenere un prato fiorito. Oppure semplicemente per attendere e osservare quello che succederà.

Da R nel bosco trovate le palline di semi della inglese seedball e quelle create direttamente da noi. Quali sceglierete?

Avete difficoltà a riconoscere le piante spontanee che avete seminato? Qui trovate una guida ad alcune piante contenute nelle seedball con le foto delle prime foglie e dei fiori.

#errenelbosco #piazzafontanesi #ReggioEmilia #inutileprezioso #foglie #leaves #plants #negoziopiante #piante #indoor #handmade #urbanjungle #stranezzebotaniche #nuovefoglie #rnelbosco #Rnelbosco

Passateci a trovare in negozio in piazza Fontanesi 6 a Reggio Emilia.

instagram / facebook / pinterest / R nel bosco