buon san valentino

san valentino 2019 - gioielli - R nel bosco

buon san valentino, ma non so come dirtelo

San valentino è giovedì! una casa, una barchetta, delle montagne, un germoglio o semplicemente dei cuori? avete già trovato un modo per dire quello che provate? viaggiare, germogliare… restare forse 🤔🌳. Da R nel bosco trovate ciondoli con pezzetti di natura, collane con barchette e casette, anelli con montagne e boschi.

errenelbosco #piazzafontanesi #ReggioEmilia #inutileprezioso #foglie #leaves #plants #negoziopiante #piante #indoor #handmade #urbanjungle #stranezzebotaniche. #nuovefoglie #Rnelbosco #sanvalentino #fallinlove #jewels #fattoamano #collane #spille #anelli

Passateci a trovare in negozio in piazza Fontanesi 6 a Reggio Emilia.

instagram / facebook / pinterest / R nel bosco

ecosistemi in viaggio

ecosistemi in viaggio - R nel bosco

ecosistemi in viaggio per destinazioni vicine e lontane

Ecosistemi in viaggio, in partenza per altrove. Siete passati in tanti per i nostri ecosistemi. I nostri terrari sono partiti per destinazioni vicine e lontane. Grazie a tutti quelli che hanno addottato un micromondo di R nel bosco. fateci sapere come stanno e come evolve la vita al loro interno ☺🌳.

🌍🌎🌏

#cura #pianteinbarattolo #pianteincasa #terrarium #errenelbosco #piazzafontanesi #ReggioEmilia #inutileprezioso #leaves #plants. #negoziopiante #indoor #handmade #urbanjungle #stranezzebotaniche #Rnelbosco🌳 #Rnelbosco

Passateci a trovare in negozio in piazza Fontanesi 6 a Reggio Emilia.

instagram / facebook / pinterest / R nel bosco

piante da interno – le preferite del 2018

piante da interno - le preferite del 2018 - R nel bosco

Le piante da interno più amate durante quest’anno

Le piante da interno che hanno riscosso più successo nel 2018. Qui di seguito trovate la lista delle nostre 10 piante preferite per quest’anno. R nel bosco vi consiglia queste piante se volete trasformare la vostra casa in una giungla con nuove foglie.

  1. Asparagus setaceus – non è una felce – è parente stretto dell’asparago coltivato in Italia. Questa specie è originaria del Sud Africa. Produce dei lunghi rami dotati di piccole spine che le permettono di avvinghiarsi e arrampicarsi alle piante vicine. Predilige una posizione molto luminosa ma senza raggi del sole diretti. Necessita irrigazioni regolari: il terriccio non si deve asciugare completamente. In inverno ridurre le bagnature. In mancanza di luce o poca acqua reagisce spogliandosi delle foglie. Possiede un’ottima capacità di ripresa e di rigettare nuovi rami dalla base. Il nostro consiglio è di posizionarla di fronte a una finestra, evitando il sole diretto. Dalla primavera all’autunno può vivere tranquillamente all’esterno in posizione ombreggiata.
  2. Fittonia – tappeto di foglie fluo – ne esistono innumerevoli varietà dai colori più strani. Questa pianta è originaria del Sud America. Non crescono più alte di 15 cm. Sono delle perfette piante da interno perchè ci indicano quando hanno bisogno di acqua. Quando il terriccio si secca le fittonie ‘svengono’, ma si rianimano subito irrigandole. Vanno posizionate in un ambiente luminoso ma senza sole diretto, resistono benissimo anche in ombra piena. Sono le piante più utilizzate all’interno dei terrari. Se sono in un ambiente difficile possono perdere le foglie per poi riemetterle. Il nostro consiglio è di posizionarle a gruppi dentro una grossa e bassa ciotola, possono essere degli ottimi centrotavola.
  3. Haworthia – una pianta ruvida – di queste piante succulente ne esistono una settantina di specie. Cresce poco in altezza producendo foglie carnose ricoperte di screziature, nervature, peli e spine. Sono piante originarie del Sud Africa. Le loro fioriture sono molto particolari seppur minute. Crescono molto bene in un ambiente ombreggiato ma luminoso. Queste piante tollerano ritmi discontinui di irrigazione. Sono molto apprezzate dai collezionisti di piante da interno per le varietà di forme che possono assumere. Il nostro consiglio è di creare un giardino roccioso in miniatura che le possa accogliere sul davanzale interno di una finestra esposta a nord o a est.
  4. Hoya carnosa – foglie di cera – possiede delle foglie carnose e cerose di un colore verde scuro. Ne esistono varietà con il fogliame variegato. Questa specie è originaria dell’Asia e dell’Oceania. Predilige un’esposizione molto luminosa, ma riesce a vivere anche in un luogo ombreggiato. Ha un portamento lianoso ricadente e può crescere più di 4 metri. In primavera produce dei fiori cerosi molto profumati. Non bagnare eccessivamente, se l’ambiente è troppo secco spruzzare le foglie con acqua distillata. Sopporta bene le basse temperature. Il nostro consiglio è di posizionarla sopra un mobile nelle vicinanze di una finestra esposta a ovest o a est.
  5. Marimo – micro mondi a mollo – anche conosciuto come alga palla, sono delle piante acquatiche di facile cura. Crescono molto lentamente: qualche millimetro all’anno. Queste colonie di alghe sono originaria delle acque fredde del Giappone, Siberia, Scozia e Islanda. Sono molto resistenti. L’unica regola è cambiargli l’acqua (rigorosamente del rubinetto) ogni 10 giorni circa. Predilige una posizione ombreggiata ma molto luminosa. Il nostro consiglio è di prenderne un paio dentro un vaso lungo e di appoggiare quest’ultimo su un tavolo vicino a una finestra – qui potete trovare una scheda dettagliata sulla cura del marimo.
  6. Philodendron scandens – fa subito foresta – è una pianta rampicante originaria delle foreste sempreverdi del Sud America. Questa specie è facile da coltivare, possiede una grande capacità di adattamento e di ripresa. Predilige posizioni ombreggiate ma molto luminose, non sopporta correnti d’aria fredda. Cresce in un terriccio umido ma non fradicio. In mancanza di acqua le foglie si afflosciano, ma tornano subito in salute dopo aver irrigato. Ne esistono varietà a foglia variegata di giallo o di bianco, con larghe fette di foglia scolorite. Il nostro consiglio è di appenderla a una balaustra e farla pendere da una scala interna. Se trattata bene potrà riempire la vostra casa di foglie.
  7. Rhipsalis – sembra un corallo – appartiene alla famiglia dei Cactus ma cresce in un ambiente molto umido: le foreste tropicali del Sud America. Questa pianta si aggrappa agli alberi più alti per arrivare alla luce (epifita). Ha delle foglie carnose come tutte le altre piante succulente ma predilige vivere in un terriccio abbastanza umido. Ne esistono molte specie dai rami molto particolari: grossi, sottili o pelosi. Predilige una posizione ombreggiata ma luminosa, resiste bene alle basse temperature. Produce dei fiori bianchi molto piccoli all’inizio dell’inverno. Il nostro consiglio è quella di posizionarla al di sopra di una mensola o una libreria e far pendere la sua chioma dall’alto. Se vi piace potrete anche apprezzare il fish bone cactus (Epiphyllum).
  8. Scindapsus – un grande classico – meglio conosciuto come pothos è una pianta facilissima da mantenere in buona salute. Ne esistono molte varietà dalla foglia variegata. Questa specie è originaria delle foreste tropicali dell’Asia e dell’Oceania. Ha una capacità di resistenza formidabile adattandosi a vivere anche con le radici completamente sommerse. Si riprende perfettamente dopo un periodo di ‘siccità forzata’. Va bagnata quando il terriccio diventa secco, predilige un’esposizione ombreggiata ma molto luminosa. Può crescere fino a 2 metri, ha un portamento ricadente. Il nostro consiglio è di appenderla al soffitto oppure posizionarla sopra una libreria per farla scendere verso terra.
  9. Sedum morganianum -rami tentacolari – è una pianta grassa dalle foglie globose e grigiastre. La varietà più famosa è la Burrito con foglie ancora più tonde. Questa specie è nativa del Centro America. I rami sono molto lunghi (oltre i 50 cm), se staccati, radicano facilmente sia in acqua che in terra. Predilige un’esposizione in pieno sole, ma può vivere anche senza la luce diretta. Non ama l’eccessivo calore e riesce a sopportare temperature molto basse. La necessità di acqua è bassissima e in inverno l’irrigazione andrebbe sospesa del tutto. Il nostro consiglio è di coltivarla sospesa in un cesto o un macramè in una zona molto luminosa della casa o di fronte a una finestra esposta a sud.
  10. Tillandsia – non sembra ma è viva – conosciuta anche come garofano d’aria. Questa specie è originaria del Centro e Sud America. Ne esistono all’incirca 600 specie molto differenti tra loro. Possono essere di colore verde o grigio-argentato, queste ultime sono più resistenti ai raggi solari. Prediligono un’esposizione ombreggiata ma molto luminosa. Se si trovano in una buona condizione ambientale si accrescono e fioriscono, altrimenti rallentano i loro ritmi. Vanno spruzzate con acqua distillata, in estate maggiormente. Possono vivere all’esterno posizionate sotto un albero. Il nostro consiglio è quello di appenderle a un filo e farle scendere dal soffitto nelle vicinanze di una finestra esposta a ovest o a est. – qui potete trovare una scheda dettagliata sulla cura della tillandsia

Passateci a trovare in negozio in piazza Fontanesi 6 a Reggio Emilia. Troverete queste e molte altre piante da interno.

instagram / facebook / pinterest / R nel bosco

natale in bianco e nero

bianco e nero - nero bosco - R nel bosco - Reggio Emilia - wishlist

un bosco in bianco e nero

Per questo natale vi abbiamo preparato due wishlist: una in bianco e una in nero. Speriamo che vi aiutino a trovare qualche idea per un regalo. Ma soprattutto speriamo che nevichi!

wishlist bianca

bianco e nero - bianco bosco - R nel bosco - Reggio Emilia - wishlist
  • tillandsia /// R nel bosco
  • memory & alfabeto /// cocai design
  • spilla goccia /// tapam tapam
  • ciotola #ceramica /// anaventura + otchi potchi
  • ciondolo con lichene /// spruitje
  • vaso da muro in ceramica /// otchi potchi
  • anelli landscape montagne /// cliveroddy
  • fiori di carta /// #bouquet transportable
  • orecchini asfodelo /// peralia
  • quaderno simienza /// edizioni precarie
  • vaso bambù /// otchi potchi
  • fiori perenni in plexiglass /// bica goodmorning design
  • ricamo /// anaventura

wishlist nera

bianco e nero - nero bosco - R nel bosco - Reggio Emilia - wishlist
  • terrario /// pikaplant
  • #biglietto seminabile let it grow /// nikoniko
  • #gioco illustrato minijungle /// milimbo
  • #cartolina seminabile thisisnotapostcard /// spruitje
  • #appendivaso DIY delta /// drakzaken
  • #spilla occhio /// tapam tapam
  • botanica adesiva /// R nel bosco
  • biglietto di auguri /// the printed peanut
  • #sapone black soap /// the printed peanut
  • #forbici da bonsai /// R nel bosco
  • #specchi a goccia /// bica good morning design
  • #memory & alfabeto insetti /// cocai design

white #bianco #black #nero #wishlist #giftideas #ideeregalo #xmas #natale #errenelbosco #piazzafontanesi #ReggioEmilia #inutileprezioso #urbanjungle #rnelbosco #Rnelbosco🌳

Passateci a trovare in negozio in piazza Fontanesi 6 a Reggio Emilia.

instagram / facebook / pinterest / R nel bosco

nel bosco dipinto di blu

blu bosco - R nel bosco - Reggio Emilia - wishlist

nel bosco dipinto di blu – blue wishlist

nel folto della foresta di R nel bosco scorre un fiume blu. Tra le fronde si possono cogliere battiti d’ala, fioriture, frutti e qualche fugace #sguardo 👁.

🌳🏞🌳

blue wishlist

quaderno Cunto di mare /// edizioni precarie
semi di melanzana /// piccolo
orecchini goccia /// anseo
uccellino di carta /// studioroof
fiore di carta seminabile /// nikoniko
spille mela e occhio /// tapamtapam
libro le selvatiche /// studiortica
gioco di società dream a tree /// londji
bombe di semi // seedball
memory & alfabeto fiori /// cocai design
yoyo elefante /// londji
lost and found /// ruohong wu
sapone for your home /// the printed peanut

#blue #wishlist #giftideas #ideeregalo #xmas #natale #errenelbosco #piazzafontanesi #ReggioEmilia #inutileprezioso #foglie #handmade #urbanjungle #rnelbosco #Rnelbosco🌳

Passateci a trovare in negozio in piazza Fontanesi 6 a Reggio Emilia.

instagram / facebook / pinterest / R nel bosco

cura della tillandsia

cura della tillandsia - R nel bosco

cura della tillandsia – come farle stare bene

La cura della tillandsia è molto semplice, ma si dovranno rispettare alcune regole fondamentali per la crescita e il benessere della nostra pianta.

Le tillandsie sono un genere di piante provenienti dal Centro America che comprende circa 600 specie diverse. Sono delle Bromeliacee, parenti strette dell’ananas. Non possiedono un vero e proprio apparato radicale anche se sono dotate di radici per aggrapparsi ad alberi o rocce. Questa vita ‘appesa’ ad altre piante è tipica delle piante denominate epifite, molto comuni nelle foreste tropicali ed equatoriali.

Riescono a sopravvivere assorbendo l’acqua di cui hanno bisogno dall’umidità dell’aria. Sono delle buone indicatrici dell’inquinamento atmosferico, catturando insieme all’umidità anche alcune porzioni delle polveri generate in ambiente urbano.

Sono piante molto rustiche. In condizioni ambientali sfavorevoli ridurranno la loro attività, entrando in riposo vegetativo. Quelle verdi sono le più adatte a vivere in un ambiente ombreggiato, mentre quelle argentate possono ricevere anche alcune ore di luce solare al giorno. Posizionate in una condizione climatica favorevole sono capaci anche di fiorire.

Possono essere posizionate in un vaso di vetro aperto, in un piatto o direttamente su un ripiano o una mensola. Altrimenti è possibile farle pendere dal soffitto legate a un filo. Si possono perfino attaccare a una parete. Oppure ancora essere utilizzate per delle composizioni, fissandole a una base di corteccia, sfagno o licheni.

Come prendersi cura della tillandsia, le 10 regole fondamentali

  1. Utilizzare solamente acqua distillata o acqua piovana.
  2. Nebulizzare o immegere per poco tempo in acqua per umidificare la pianta.
  3. Metterle in una posizione luminosa: di fronte a una finestra esposta a est o a ovest. Una finestra a sud andrà schermata con nuna tenda.
  4. Non esporre tutto il giorno ai raggi diretti del sole, ma qualche ora andrà benissimo (soprattutto per quanto riguarda le tillandsie grigie).
  5. Non tenere immersa nell’acqua per troppo tempo.
  6. Piantarle in un vaso sarà inutile e rischioso, si potrebbero sviluppare dei marciumi del fusto.
  7. Non incollarla a una parete o non fissarla con del silicone. Utilizzate solamente del filo (nylon, cotone, rame) per legarle a un supporto.
  8. In inverno e in estate (se molto caldo o molto freddo) evitate di lasciare le tillandsie all’esterno.
  9. Evitate di concimarle, è del tutto inutile.
  10. Eliminate le foglie morte o le parti molli del fusto con una forbice dalle lame affilate.

Passateci a trovare in negozio in piazza Fontanesi 6 a Reggio Emilia.

instagram / facebook / pinterest / R nel bosco

facebook + R nel bosco – dateci un occhio!

facebook R nel bosco - Reggio Emilia

occhio a facebook!

R nel bosco è su facebook. Seguiteci per rimanere aggiornati sui nostri prodotti, sbirciare nella nostra vetrina online e leggere i nostri consigli.

4 hours ago

R in #viaggio
🚂🚃🌱
R nel bosco oggi è chiuso, siamo in viaggio per il Myplant & Garden per scovare qualche #novità #botanica. seguite le storie oggi, speriamo di solleticare la vostra ... See more

1 day ago

#animal poetry
🐒🐧🐇
le #marionette animalesche di #carta di #furzechan sono esemplari perfetti per arricchire la vostra #fauna domestica. possono rintanarsi in un libro, in un vaso o in un ... See more

2 days ago

pronti al #lancio?
🏹🌱🌳
le #seedball sono palline di argilla contenenti semi. una volta lanciate (o appoggiate) sul terreno, e tenute umide, esploderanno! i semi all'interno germineranno e ... See more

3 days ago

#mescolare prima dell'uso
🍃🍹🍃
inizia una settimana di rimescolamenti. come quando si prepara un mix si semi, siamo sempre alla ricerca di novità e collaborazioni. questa settimana ci ... See more

4 days ago

#decollo
🌳🛩🌳
pronti #partenza via... questi #panorami sotto vetro sono le nostre ultime #creazioni. saranno disponibili dai primi giorni della settimana prossima. ci piace farvi avere, ... See more

6 days ago

#pots #city
🌳🏘🌳
tra le fronde di R nel bosco potete trovare una metropoli di vasi ti terracotta. le tonalità moka risaltano i #verdi delle #foglie. utilizzare vasi di argilla, quando ... See more

1 week ago

#seminare futuro
🌱🌱🌳
per costruire un #giardino servono #semi, piante, terra, sole, acqua e soprattutto tempo.saper #aspettare e avere #cura sono le basi per trovarsi un giorno in mezzo a ... See more

1 week ago

buon #viaggio
✉🍃🌳
da quest'anno R nel bosco spedisce in tutta Italia i suoi articoli: #decorazioni #semi #stampe #giochi #ceramiche #tillandsie #marimo e altro ancora. visitate il nostro ... See more

1 week ago

ricordati di prendere..
🍄🥦🥕
ricordatevi di prendere la #frutta e la #verdura! quella di stagione di #ohioja la trovate sul banco di R nel bosco dal martedì al sabato dalle 9.30 alle 13.00 e ... See more

1 week ago

#biodiversità indoor
🌴🌵🌾
la #ricchezza della natura sta nella varietà di forme che esistono. un #terrario è un #ritaglio di giardino da tenere in casa. il nostro consiglio: un #barattolo ... See more

« 1 of 7 »

Passateci a trovare in negozio in piazza Fontanesi 6 a Reggio Emilia.

instagram / facebook di R nel bosco / pinterest / R nel bosco

verde bosco

verde bosco - R nel bosco - Reggio Emilia - wishlist

verde bosco – green wishlist

Esistono tantissime varietà di verde in natura: dal verde foglia a quello muschio, passando da quello maggio. venite a scoprirli tra le foglie di R nel bosco 🔭🌳.

🦆☘🌳

green wishlist

Uccellino di carta /// Studio roof
Trottola pesciolino /// Londji
Bombe di semi Herb mix /// Seedball
Mini caleidoscopio Forest /// Londji
Lente caleidoscopio Cavalletta /// Londji
Semi di basilico /// Piccolo
Sapone del giardiniere /// The printed peanut
Spilla foglia di monstera /// Tapam tapam
Quaderno conserva la tua freschezza /// Edizioni precarie
Memory & alfabeto foglie ///Cocai design
Spring postcard Camilla Engman /// Studio Morran
Cavolo amigurumi /// Ohjoja

#green #wishlist #giftideas #ideeregalo #xmas #natale #errenelbosco #piazzafontanesi #ReggioEmilia #inutileprezioso #foglie #handmade #urbanjungle #rnelbosco #Rnelbosco

Passateci a trovare in negozio in piazza Fontanesi 6 a Reggio Emilia.

instagram / facebook / pinterest / R nel bosco

cura del marimo

cura del marimo - come prendersi cura di un'alga palla - R nel bosco

cura del marimo – come prendersi cura di un’alga palla

La cura del marimo è facile, ma si devono assolutamente rispettare alcune regole fondamentali.

I marimo sono colonie sferiche di alghe (Aegagropila linnaei) che vivono nell’acqua dolce di laghi freddi di Giappone, Islanda, Scozia e Russia. La loro particolare forma è mantenuta dal movimento della corrente. Il loro nome comune viene dal giapponese (alga-palla). Queste alghe non producono spore, quindi non sono pericolose per l’ambiente circostante poichè non si diffondono nell’ambiente acquatico. I pescatori islandesi le chiamano kúluskítur (sfera di erbaccia che rimane impigliata nelle reti da pesca).

Allo stato naturale vivono anche un paio di secoli, allargandosi di qualche millimetro all’anno. In Giappone sono molto popolari ed esistono protagonisti di fumetti e personaggi nella cultura di massa che si ispirano a questo essere vivente.

Possono vivere dentro barattoli o acquari pieni d’acqua dolce. Durante il giorno effettuano la fotosintesi e, liberando ossigeno, possono salire in superficie per poi scendere verso il fondo durante il resto della giornata.

Come prendersi cura del marimo, le 10 regole fondamentali

  1. Utlizzate solamente acqua dolce per riempire i barattoli dove vivono i marimo.
  2. Non posizionare il barattolo in pieno sole. Le alghe palla possono ricevere comunque qualche ora di luce diretta al giorno.
  3. I barattoli possono vivere tutto l’anno all’interno. Se decidete di tenerli all’esterno, evitate di lasciarli fuori in estate e in inverno.
  4. Non posizionate i marimo in un acquario con dei pesci rossi, la mangerebbero completamente. Invece queste alghe possono vivere tranquillamente con i gamberetti, che le utilizzeranno come nascondiglio.
  5. Dovete cambiare ai barattoli l’acqua ogni 7-10 giorni. Ma se ritardate non preoccupatevi, i marimo resisteranno. La pulizia dei barattoli è importante. Strofinate le superfici interne del barattolo con un panno per eliminare i depositi di calcare e le impurità.
  6. Pulizia dell’alga: passate il marimo sotto l’acqua del rubinetto, strizzandolo per togliere le impurità e le parti necrotiche.
  7. Appallottolare l’alga palla per ridarle una forma sferica durante le operazioni di pulizia.
  8. Non concimarla assolutamente, si rischierebbe di bruciare il marimo.
  9. Evitare di usare acqua distillata. I marimo trovano nell’acqua gli elementi nutritivi di cui hanno bisogno e che non troverebbero altrimenti nell’acqua demineralizzata.
  10. Tenete le alghe palla fuori dall’acqua per poco tempo,  solamente per pulirle e per cambiare l’acqua.

Se l’alga non stesse bene e diventasse leggermente o parzialmente marrone, non allarmatevi. La si può farla tornare a essere verde e in forma seguendo alcuni accorgimenti. Estraetela dal barattolo e strizzatela sotto l’acqua corrente fino ad eliminare le parti marroni.  Cambiate l’acqua, posizionate il barattolo in un posto differente e più luminoso.

Passateci a trovare in negozio in piazza Fontanesi 6 a Reggio Emilia.

instagram / facebook / pinterest / R nel bosco